Nuova regolamentazione delle collaborazioni nei Call center


Siglato, nel comparto delle telecomunicazioni, l’accordo che disciplina le collaborazioni nelle attività di vendita, servizi e recupero crediti realizzati dai call center outbound.

L’intesa, che ha validità sino al 31/12/2020, prevede:


– il riconoscimento del 2° livello di inquadramento del CCNL TLC al Collaboratore, con la corresponsione delle seguenti percentuali:


   – 80% fino al 31/3/2019
   – 90% fino al 31/3/2020
   – 100% dal 1/4/2020
– che in caso di stipula di nuovi contratti di collaborazione, l’azienda dovrà tenere conto prioritariamente con delle richieste avanzate dai collaboratori già impiegati con contratto di collaborazione, presso la stessa unità produttiva o Azienda se coincidente, nonché di coloro che attraverso la successione di più contratti abbiano maturato un periodo minimo di attività di 4 mesi.


– la possibilità per il Committente di poter cessare il contratto del Collaboratore prima della scadenza del termine pattuito e anche prima della realizzazione del progetto conferito, nei soli casi di giusta causa o oggettiva inidoneità professionale. Mentre, a sua volta il collaboratore potrà interrompere il contratto qualora si verificheranno ritardi nella corresponsione del compenso oppure il mancato rispetto da parte del committente di quanto previsto nel presente Accordo o dalla legge.