Seconda tranche di arretrati a giugno per gli addetti all’industria alimentare



Erogate, con la retribuzione di giugno, tre quote di arretrati ai dipendenti dell’industria alimentare


Nel mese di maggio le parti hanno sottoscritto 7 accordi collettivi nazionali separati che riconoscono un aumento dal mese di maggio e con decorrenza 1° dicembre 2019 di un incremento retributivo, a parametro medio 137, di Euro 21,43 lordi mensili.
Per la copertura del periodo di mancato contratto (dic. 2019 -apr. 2020) è stato, altresì, previsto il riconoscimento di 6 quote arretrate di incremento retributivo (5 mensilità +13^ mensilità dicembre 2019), da erogarsi come segue:
– 2 quote di incremento mensile arretrato in aggiunta alla mensilità di maggio 2020;
– 3 quote di incremento mensile arretrato in aggiunta alla mensilità di giugno 2020;
– 1 quota di incremento mensile arretrato in aggiunta alla mensilità di agosto 2020;











































Livello

Par.

Aumenti dall’1/12/2019

Importo giugno 2020

1S 230 35,98 107,94
1 200 31,28 93,84
2 165 25,81 77,43
3A 145 22,68 68,04
3 130 20,34 61,02
4 120 18,77 56,31
5 110 17,21 51,63
6 100 15,64 46,92


 













 Viaggiatori e piazzisti

 Par.

Aumenti dall’1/12/2019

Importo giugno 2020

I 165 25,81 77,43
II 130 20,34 61,02


L’incremento retributivo decorrente da dicembre 2019 spetta a tutti i lavoratori in forza alla data di stipula dei singoli Accordi, con riproporzionamento pro quota per i lavoratori in part-time. Pertanto nulla è dovuto ai lavoratori il cui rapporto si sia risolto anteriormente alle date di sottoscrizione dei 7 Accordi collettivi.